MAi buttare il vecchio smartphone

MAi buttare il vecchio smartphone

Quel nuovo e seducente modello di smartphone deve essere nostro… prima dobbiamo capire cosa fare con il vecchio catorcio di cellulare che abbiamo utilizzato fino a ieri. Se stiamo pensando di liberartene forse è meglio ripensarci. Infatti non importa molto se vogliamo buttarlo o rivenderlo perchè in qualunque caso stiamo dando via la chiave di accesso a tutto il nostro mondo digitale. Magari siamo tanto diligenti da resettare la memoria del cellulare, ma questo non basta a salvaguardare i nostri account. Chiunque entri in possesso del nostro smartphone può recuperare i dati semplicemente connettendolo ad un computer. Gli strumenti per il recupero dei dati sono numerosi, semplici e gratuiti. Le password ed i cookies di sessione verrebbero ripescati in poco tempo. Con i nostri dati di sessione in mano il malintenzionato può avere facile accesso a tutti i nostri account. Per alcune app non ha neppure bisogno di sapere quale sia la password ma gli è sufficiente avere in mano il cellulare (è il caso di Whatsapp ad esempio).

Allora che fare? Potremmo tenere in casa il vecchio cellulare e conservalo come dispisitivo di scorta nel caso in cui si guasti quello nuovo appena acquistato. Così finiamo per riempirci casa di rottami inutili. Quindi abbiamo solo due modi sicuri per liberarcene senza compromettere la nostra esistenzza digitale…

+ Come cancellare in modo sicuro i dati

1.

Facciamo il backup di ciò che vogliamo trasportare sul nuovo cellulare e togliamo la SIM dallo smartphone vecchio. Ora andiamo di app in app a sconnettere i nostri acocunt e togliere l’accesso automatico. Dedichiamo attenzioni particolari al browser internet cancellando cache, cronologia e scollegando i cloud. Disattiviamo le funzioni tipo “trova il mio dispositivo” oppure lo smartphone si ricollegherà da solo ai nostri profili per segnalare la sua posizione come se fosse stato rubato. Alla fine andiamo nelle impostazioni generali e scolleghiamo l’account Google (Android) od Apple (per iPhone).


2.

Resettiamo il cellulare alle impostazioni di fabbrica. A questo punto i nostri dati non sono cancellati; le celle di memoria che li contengono sono state marcate come riscrivibili, ma sono ancora tutti là. Sui modelli recenti è tutto crittografato quindi un fellone ci metterebbe più di 15 minuti ma alla fine avrebbe tutto a disposizione.


3.

Iniziamo a scattare foto in alta qualità a tutti gli alberi che troviamo. Vogliamo saturare la memoria per costringere lo smartphone a sovrascrivere le celle di memoria marcate come libere e che contengono ancora i nostri dati. Possiamo ripetere questo giochino tutte le volte necessarie a farci sentire sicuri: reset di fabbrica e intasare la memoria.

+ Distruzione fisica dello smartphone

Se siamo molto paranoici allora ci tocca distruggere fisicamente lo smartphone. Prima di prenderlo a martellate ci sono un paio di precauzioni che possono salvarci la pellaccia. Come prima cosa dobbiamo togliere la batteria che potrebbe incendiarsi ed esplodere se trattata troppo male. Poi avvolgiamo il cellulare in uno straccio per evitare che schegge impazzite si vendichino sfregiandoci. Ora siamo pronti ad accanirci contro lo smartphone con particolare riguardo alle memorie interne.

/Quando abbiamo teminato lo scempio non ci resta che riportare i miserabili resti in un qualunque negozio di elettronica che provvede a smaltire i rifiuti in modo corretto.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da DoDo

Sono Dodo lavoro nel mondo dell'informatica ed ho studiato all'Università MFN di Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.