Follow JC Go: i Pokemon nella Versione del Vaticano

Follow JC Go: i Pokemon nella Versione del Vaticano
Arriva Follow JC Go: l’app Cattolica di realtà aumentata che si ispira al lavoro di Nintendo e Niantic sebbene da anni il clero accusi Pokemon Go di satanismo. La Chiesa Cattolica deve aver pensato che se non puoi batterli, puoi prendere spunto da loro. Papa Francesco in persona ha giocato la prima partita il 16 Ottobre 2018 ed ha dato il suo benestare. Si tratta del secondo gioco di questo tipo dopo il flop di Don Bosco Go dei Salesiani.

JC vuole dire Jesus Christ
Assoldiamo i Santi nel nostro eTeam

Comprarsi il Favore di un Santo: Indulgenze 2.0

Follow JC Go sfrutta la realtà aumentata per sovrapporre al nostro mondo di tutti i giorni una serie di sfide a tema religioso. Appena loggati capiamo che Pokemon Go ha ispirato questa app dal tema mistico ma possiamo notare subito alcune piccole differenze. D’altronde il diavolo è nei dettagli. Ad esempio la registrazione chiede anche la nostra diocesi di appartenenza oltre ai consueti dati anagrafici. Per fortuna se lasciamo il campo in bianco nessuna folgore divina ci annichilisce e quindi possiamo registrarci anche se scomunicati.
Il carosello dei possibili avatar testimonia un’apertura mentale inaspettata e presenta un ampio range di stili estetici. Alcuni sembrano usciti da un film di serie Z sulla violenza giovanile mentre altri sono pronti per convertirci a colpi di crocifisso. Troviamo personaggi che sfoggiano creste colorate, borchie e magliette con il teschio accanto ad educande degne di mezzo secolo fa. Gli aspetti più inquietanti sono riservati ai giocatori maschi che possono persino vestire i panni di un omino dal naso rosso ed i capelli unti che pare aver bisogno di un gruppo di disintossicazione ed un trapianto di fegato. Probabilmente il gioco vorrebbe insegnarci a non giudicare gli altri sulla base dell’aspetto fisico ma il primo impatto è piuttosto traumatico.
Superato il trauma della registrazione passiamo all’azione ed iniziamo ad evangelizzare su mandato divino. Ci troviamo su una mappa molto simile a quella di Pokemon Go e dobbiamo formare una nostra squadra evangelica (evangelization team: eTeam) risolvendo gli incontri che ci capitano a tiro. Possiamo affrontare tre tipologie di personaggi: apparizioni mariane, figure bibliche e santi&beati. Passeggiando nella realtà spostiamo il nostro avatar sulla mappa per arrivare a meno di 50 metri da un punto di interesse ed attivarlo. Quindi dobbiamo rispondere ad una semplice domanda vero/falso che riguarda lo specifico incontro che stiamo facendo. Se diamo la risposta esatta il personaggio entra nel nostro eTeam. Possiamo sempre spendere Denarios (la moneta di gioco) per comprarci un secondo tentativo qualora la nostra ignoranza ci abbia condotto sulla strada dell’errore. La morale piuttosto ovvia ci dice che bastano Denarios per sopperire a qualunque mancanza. Pare che la Chiesa Cattolica non si sia ancora tolta il vizio della vendita delle indulgenze.
Follow JC Go ricorre anche al survival per variare l’esperienza rispetto al classico collezionismo in stile Pokemon Go. Infatti dobbiamo costantemente controllare le nostre scorte di pane eucaristico, acqua santa e preghiere per mantenerci in salute. Queste risorse sono facilmente disponibili sulla mappa. Il nostro fabbisogno è indicato nella parte bassa dello schermo da tre cerchi bianchi che gradualmente si anneriscono. Tutto per darci quella lieve nota d’ansia che non guasta mai in un gioco bene strutturato.

Scarica e Prega poi Paga

Follow JC Go è disponibile gratuitamente sia su Android che su iPhone perchè persegue il nobile intento di avvicinare i giovani al mondo della fede. Ovviamente sono presenti le solite microtransazioni che per motivi fiscali debbono prendere il nome di donazioni spontanee. Con soli 6.99$ otteniamo 1000 Denarios di gioco ed un Diploma Oro. Sono presenti anche tagli di donazione più esigui ma hanno un tasso di cambio più svantaggioso. In alternativa possiamo recuperare Denarios passeggiando sulla mappa o guardando delle pubblicità. Tutti gli introiti confluiscono alla Fundación Ramón Pané che sponsorizza il gioco assieme a Jesus Film Project. La realizzazione tecnica si deve invece alla poco famosa R1 Group.
L’app è pensata per la Giornata Mondiale della Gioventù che si terrà a Panama tra il 22 ed il 27 Gennaio 2019 ed è disponibile solo in Spagnolo. Possiamo comunque giocarci perchè ogni scoglio linguistico si supera con Google Translate ed il form di iscrizione è già predisposto per ospitare le future traduzioni in Italiano, Inglese (USA) e Francese. Stranamente mancano Latino e Greco.

Pubblicato da DoDo

Sono Dodo lavoro nel mondo dell'informatica ed ho studiato all'Università MFN di Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.