Facebook, Instagram e WhatsApp hanno problemi: siamo liberi!

Facebook, Instagram e WhatsApp hanno problemi: siamo liberi!

Oggi, 13 Marzo 2019 l’umanità può godersi una giornata di sole… oppure possiamo passare il nostro tempo online per scoprire cosa stia succedendo ai social network della rete di Zuckerberg. Facebook, WhatsApp e Instagram manifestano ogni sorta di problemi a partire da questo pomeriggio.

I problemi di Facebook sono iniziati verso le 17.00 del 13 Marzo 2019

Tutti i social di Zuckerberg sono impazziti

Facebook, Messenger, Instagram e WhatsApp hanno iniziato a dare problemi a partire dalle 16:30. Sul sito DownDetector è possibile ricostruire il progredire delle anomalie grazie alle segnalazioni degli utenti. Le motivazioni non sono ancora chiare. Forse qualcuno ha pigiato i tasti sbagliati mentre iniziava la fusione dei database dei 4 social targati Zuckerberg. Forse i 40enni hanno condiviso più buongiornissimo-kaffeeeé del solito ed i server non hanno retto. Forse è in corso un attacco DDoS (anche se il canale ufficiale lo nega). Nulla è sicuro per il momento (ore 22:00). Intanto i social network concorrenti stanno ironizzando pesantemente sulle difficoltà di Zuckerberg. Già si è diffuso il nuovo hashtag #facebookdown. La stessa Facebook ha dovuto usare Twitter e Telegram per poter comunicare con gli utenti e rassicurarci.
Il caos sembra colpire soprattutto ciò che riguarda in qualche modo gli archivi (post vecchi, operazioni di aggiornamento e compressione di flussi dati). Ecco alcuni dei problemi riscontrati:
  • Problemi di accesso
  • Impossibile aggiornare le Pagine aziendali
  • Impossibile inviare note vocali
  • Impossibile aggiornare le storie
  • Problemi nel pubblicare post
  • Problemi nello stalkerare i profili altrui
Le anomalie si presentano in modo discontinuo e su gruppi di utenti disomogenei. Il mistero è fitto e l’unica cosa che possiamo fare è leggere un buon libro ;D

Pubblicato da DoDo

Sono Dodo lavoro nel mondo dell'informatica ed ho studiato all'Università MFN di Torino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.