Dipingere con Excel

Dai un computer ad un pensionato e avrai sempre un risultato. Magari un risultato inconsueto, originale e del tutto inatteso. Non c’è modo di fermare qualcuno della vecchia scuola se vuole fare qualcosa e vuole farlo con un computer. Se poi si tratta di un Giapponese amante dell’arte puoi essere sicuro di fare la storia 😀

Pensionato Giapponese diventa Artista con Excel

Lo Strano Caso di Tatsuo Horiuchi

Tatsuo è considerato il Michelangelo di Excel. Questo 77enne Giapponese ha pensato bene di trovarsi un passatempo per occupare le lunghe giornate di pensionamento. 17 anni fa la sua scelta è caduta sulla pittura. Ma dipingere è un passatempo costoso: tele e colori richiedono un certo investimento. Invece il computer permette di pacioccare l’arte a basso budget. I primi tentativi sono con Paint ma il programma è contemporaneamente troppo complicato e troppo limitato. SI passa quindi al kit Microsoft Office preinstallato sul PC. Scartato Word, rimane Excel. Pur non avendo mai utilizzato Excel per lavoro, aveva visto molti colleghi creare dei grafici carini con il programma di Microsoft. Così Tatsuo si è imposto un periodo di massimo 10 anni per imparare ad usare bene il tool grafido di Excel: AutoShape. Così arriva a vincere il Concorso d’Arte per Excel Autoshape del 2006. Subito dopo vende opere al Gunma Museo d’Arte. Alcune sue opere possono essere scaricate in formato modificabile.

Basta che Funzioni

Diciamo da subito che Tatsuo avrebbe potuto ricorrere a Inkscape: gratuito, facile e versatile. Ma anche con Excel è riuscito ad ottenere risultati apprezzabili; io creo a malapena biglietti d’auguri natalizi con GIMP. Il segreto della sua impresa risiede nell’essersi dato un obbiettivo preciso ed una scadenza ben determinata.