<!--:it-->Steam ti rimborsa se il videogioco non ti piace<!--:-->

Il 02 Giugno 2015, Valve ha introdotto i rimborsi per i contenuti digitali acquistati su Steam. L’annuncio non è un regalo… Steam doveva adeguarsi alle politiche Europee per lo smercio di contenuti digitali come hanno già fatto Google Play e PayPal.

Per evitare abusi i rimborsi di Steam sono soggetti a poche semplici regole:

  • Puoi chiedere il rimborso di Videogiochi, DLC ed oggetti di gioco; se il prodotto è segnato come non-rimborsabile allora, ovviamente, non è rimborsabile. Ad esempio i film ed i regali non si rimborsano.
  • Puoi chiedere il rimborso solo entro 14 giorni dall’acquisto e solo se lo hai utilizzato meno di 2 ore.
  • Non hai diritto ai rimborsi se il VAC di Valve ti ha messo nell’elenco delle brutte persone (i bari o cheater).

Steam chiarisce che puoi chiedere il rimborso per riacquistare il titolo ad un prezzo più basso durante i saldi e che, se rispetti le condizioni di cui sopra, non è necessario dare motivazioni. Ma la piattaforma si riserva di bloccare la possibilità di rimborso per utenti che ne abusino dato che su internet già proliferano le idee truffaldine.

L’introduzione dei rimborsi è un’importante cambiamento che ti tutela mentre utilizzi Steam ma non è ancora lo strumento perfetto. Ad esempio se acquisti una Early Access sicuramente dovrai aspettare più di 14 giorni per vedere il gioco completo e quindi perderai comunque i tuoi soldi se gli sviluppatori decidono di mollare il progetto a metà. In compenso potrai finalmente provare un gioco e testarne la qualità prima di svuotare il tuo portafoglio.

Naturalmente si è subito accesa una disputa filosofica su come i romborsi possano influenzare il mercato dei videogiochi. Secondo alcuni i giochi che possono essere terminati in meno di due ore verranno sfruttati. In particolare viene citato il caso di Beyond Gravity che ha visto un record di richieste di rimborso (oltre il 70%). C’è da dire che effettivamente è un gioco che stufa presto… forse i giocatori hanno solo utilizzato in modo appropriato il loro nuovo potere.