[:it]Eset e l’inesistente virus su Facebook[:]

[:it]

Facebook ha stretto un’alleanza commerciale con Eset, la casa produttrice dell’antivirus Nod32. Ufficialmente lo scopo è limitare la circolazione di malware sul social network monitorando l’attività degli account e sospendendo temporaneamente quelli che abbiano un comportamento sospetto. Tutti gli account che siano sospettati di ospitare virus o malware vengono temporaneamente bloccati e  quindi costretti a scaricare ed eseguire una scansione con software di Eset prima di poter nuovamente entrare in possesso del proprio account.

In realtà pare che gli account vengano bloccati con euristiche piuttosto discutibili. Facebook ed Eset non hanno modo legale per scansionare il tuo computer mentre sei online quindi debbono basarsi solo sull’attività del tuo account per determinare se sei infetto. Capita che un tuo collegamento troppo prolungato, da più dispositivi nello stesso momento o l’attività eccessiva del tuo account vengano scambiati per sintomi di un malware… in altre parole: se sei un utente troppo attivo non piaci a Facebook.

Da notare che il messaggio che compare al momento del blocco si limita a ventilare l’ipotesi con un “forse sul tuo computer è presente un virus”. Il problema è che il messaggio viene rimosso solo se si scarica ed avvia la scansione di Eset. Cosa può esserci di male nel fare una scansione antivirus in più? Il software di Eset richiede privilegi di amministratore e lancia due processi che non ti vengono notificati e sono visibili solo dalla Gestione Task. Questo tipo di comportamento è solitamente associato ad un virus, non ad un antivirus. Inoltre è un palese tentativo di venderti un software antivirus; ricorda che sul tuo PC non devono mai essere attivi più antivirus allo stesso tempo perchè si ostacolerebbero vicendevolmente.

Se navighi in internet abitualmente saprai che Facebook ed Eset stanno adottando uno schema di marketing tipico degli adware. Un sito ti apre una finestra popup e impedisce la navigazione finchè non scarichi ed apri un file che verifichi le condizioni sanitarie del tuo computer. In questo modo sei costretto a utilizzare software inutile… proprio come nel caso di Facebook ed Eset. Se hai un computer Microsoft non hai bisogno di Nod32 od altro antivirus. Con Security Essential la Microsoft ti mette a disposizione Defender che è gratuito ed è valido come qualunque altro antivirus.

Una strategia di marketing che è molto simile a quella dei siti che propongono classifiche dei “migliori antivirus” senza dire come si sia giunti a costruire la classifica.

Questa non è la prima volta che Facebook mette esigenze commerciali davanti al diritto di possedere i propri dati ed è il motivo per cui molti utenti stanno abbandonando questo social per Tsu, Google Plus e per le chat di instant messaging che non conservano dati utente.

[:]